Uiltrasporti



Mostra fotografica “VOI IERI COME NOI OGGI”

Omaggio a Maria Chieco Bianchi, Maria Miccolis, Ada Del Vecchio Guelfi (31 Marzo-2 Aprile)

Ieri si è tenuta presso l’Officina degli Esordi – Bari l’inaugurazione della mostra fotografica “VOI IERI COME NOI OGGI” omaggio a Maria Chieco Bianchi, Maria Miccolis, Ada Del Vecchio Guelfi.

La mostra nasce da un’idea promossa dalla Responsabile UIL Pari Opportunità e Politiche di Genere Puglia Valeria Andriano e Maristella Conte Responsabile UILTRASPORTI Puglia.

L’obiettivo dell’iniziativa è di far conoscere ed apprezzare tre pioniere dell’emancipazione femminile, che hanno fatto la storia sociale della Regione Puglia, impegnandosi sul fronte sindacale e su quello politico giungendo sino in Parlamentari e dalle cui esperienze sicuramente anche oggi si possono trarre degli insegnamenti.

Maria Chieco Bianchi (1904-1995) nel 1949 divenne sindaco di Fasano, all’epoca primo ed unico sindaco donna del meridione, la quale nell’intero territorio fasanese fece miracoli. A lei si deve la famosa Corsa Automobilistica Fasano-Selva, competizione che vede in gara piloti di fama nazionale ed internazionale.

Maria Miccolis (1925-1998) alla quale,nel periodo in cui amministrò il comune di Castellana, si devono la maggior parte delle opere infrastrutturali  realizzate. Per lei la politica non era intesa come potere bensì come servizio.

Ada Del Vecchio Guelfi (1921-2002) donna barese che spese tutta la sua vita per la democrazia e la difesa dei deboli.

Durante la presentazione della mostra sono intervenuti Fabio Lisco Segretario regionale Uiltrasporti, Valeria Andriano Segretario Confederale e Responsabile CPO UIL, Maristella conte Segretario regionale e Responsabile CPO Uiltrasporti,  Aldo Pugliese Segretario generale UIL Puglia, Claudio Tarlazzi Segretario generale Uiltrasporti Nazionale, Vincenzo Boffoli Segretario generale Uiltrasporti Puglia e Vera Guelfi Segretario Confederale UIL Puglia (figlia di Ada Del Vecchio).

Si riportano di seguito gli interventi di Maristella Conte, Claudio Tarlazzi e Vera Guelfi.

Maristella Conte

“La storia dell’evoluzione politico-sociale ha sempre posto un ruolo primario al sesso maschile, sottovalutando o ignorando il contributo delle donne. In alcuni casi quello che di loro è stato detto ha dovuto subire tagli, al fine di allontanarle il più possibile dalla vera posizione che investivano.

Negli ultimi anni sono moltiplicate le donne che si occupano della valorizzazione del proprio genere; di esistenze piene di sinergia che compongono la costellazione dell’universo femminile in cui è impossibile non vederle brillare: intellettuali, scienziate, artiste, sportive, scrittrici, poetesse, o donne ribelli, abili politiche, professioniste e imprenditrici.

La donna, con molta fatica, ha dovuto affrontare dure battaglie per abbracciare cariche sociali esclusivi feudi degli uomini, specialmente nel meridione la cui mentalità maschile era arroccata su principi medioevali. Donna uguale a: “porta dell’inferno”, “cosa necessaria all’uomo”, “disgrazia”.

E proprio nel meridione, contrariamente all’immagine della donna relegata dalla società come essere di più basso livello, tante di loro hanno fatto la differenza, pioniere di una società evoluta, guerriere il cui operato è ancora evidente.

Da sempre la nostra regione ha avuto la fortuna di crescere grazie all’opera di persone come le signore Maria Chieco Bianchi, Maria Miccolis e Ada Del Vecchio Guelfi che in questi tre giorni abbiamo l’onore di ricordare.

Noi donne della UIL possiamo affermare che nella nostra Puglia siamo brave, oltre che a fare le orecchiette, a portare la luce elettrica nelle borgate, istituire asili, ripavimentare le strade, creare circonvallazioni, costruire alloggi per le famiglie, potenziare i porti, denunciare coraggiosamente i soprusi e le ingiustizie.

Questo evento che conclude il mese di marzo, notoriamente dedicato alle donne, è stato realizzato con la fattiva partecipazione della confederazione e del settore trasporti.

L’evento concretizza l’attuazione del Sindacato a Rete, un sistema rapido di scambio d’informazioni, di idee e di pensieri nonché di un efficace cooperazione circa le azioni intraprese o da intraprendere dei Coordinamenti Regionali, Territoriali e di Categoria delle Pari Opportunità.

Come già detto in altre occasioni, immaginiamo una macchina tessile che intreccia diversi capi di filo, colori diversi, ma della stessa trama, che formano un solo tessuto.

Inoltre, i “Coordinamenti Regionali”, dipanati lungo la nostra penisola, si incrociano con quelli “Nazionali".

Difatti, siamo un fattore importante e strategico perché inseriti in contesti lavorativi differenti; ciò favorisce un percorso unitario e da forza e sostanza alle nostre battaglie per garantire più lavoro, valorizzazione alle donne e favorire un efficace welfare aziendale e territoriale.

Le Componenti dei Coordinamenti Pari Opportunità UIL Bari –Bat e UILTrasporti Puglia in questi tre giorni lasceranno parlare, essenzialmente attraverso foto, tre grandi donne che hanno partecipato alla storia del nostro territorio.

Dedichiamo a Maria Chieco Bianchi, a Maria Miccolis ead Ada Del Vecchio Guelfi per quanto fatto,una citazione di Paulo Coelho: “Il mondo è nelle mani di coloro che hanno il coraggio di sognare e di correre il rischio di vivere i propri sogni”.

Ringraziamo la Sig.ra Vera Guelfi , figlia di Ada Del Vecchio Guelfi,  il Sig. Nicola Miccolis, fratello di Maria Miccolis, per il materiale messo a disposizione e la Sig.ra Cinzia Nitti, graphic artist, che grazie alla sua passione ed esperienza ha saputo interpretare le Nostre idee.

Saluto tutti lasciando a voi il gusto della scoperta di queste grandi donne protagoniste della mostra”.

Claudio Tarlazzi

“Un plauso a Maristella per la promozione di questa iniziativa intelligente ed interessante. Aver dedicato questa bella mostra a tre donne che pur essendo di identità politiche differenti avevano un valore comune: la difesa della democrazia e dei deboli.

Iniziativa, mi auguro si possa ripetere anche in altre regioni, perché bisogna partire dal passato di ognuno di noi, dalle nostre radici per comprendere tutti gli sforzi compiuti e continuare su quella direzione con l’obiettivo di ridare alle donne il ruolo che meritano per lo sviluppo di questo Paese.

Noi tutti dobbiamo dare il nostro contributo per ridurre la differenza, tra le opportunità che la società offre agli uomini e alle donne.

Il 40% di donne oggi vengono ancora licenziate perché mamma entro i 2 anni di vita del bambino; il 24% di donne vengono licenziate perché in stato interessante.

La possibilità aziendale di de-mansionare i dipendenti, introdotta dal jobs act, potrebbe avere evidenti e pesanti ricadute sulle donne.

Dobbiamo fare tutto il possibile, nella contrattazione, per evitare che le mamme vengano ancora penalizzate.

Questo è e dev’essere l’impegno della UILTRASPORTI. Il nostro Coordinamento Pari Opportunità e Politiche di Genere, in questi 2 anni, è cresciuto ma deve continuare a crescere nell’importante impegno di dare gambe e sostanza alle politiche conciliative, attraverso la contrattazione di 1° e 2° livello riuscire a contemperare le esigenze del lavoro con quelle della famiglia e con il mondo sociale.

Non è sufficiente aumentare la presenza di genere negli organismi o nei cda, spesso serve solo a far scena, bisogna dare sostanza, mi piace ribadirlo, attraverso l’impegno civile di tutti noi rispetto a tutte le donne, non solo quelle più brillanti, soprattutto le più deboli perché precarie per esempio”.

Vera Guelfi

Per mia madre il sindacato era un modo per lottare per l’indipendenza e per la difesa e tutela degli altri. L’indipendenza economica, diceva sempre, rende liberi di poter esprimere le proprie idee.

Come figlia, quando ero piccola, mi è molto mancata essendo un’attivista, ma le sue lotte per gli altri rappresentano una ricchezza per noi figlie e un valore di cui siamo molto orgogliose.

Questo lo dico a tutte le donne che hanno desiderio di impegnarsi, i figli quando crescono capiranno”.

UILTRASPORTI - Viale del Policlinico, 131 - 00161 Roma - Tel. 06 862671 - Fax 06 86207747
C.F. 80403560586
e-mail: webmaster@uiltrasporti.it