Uiltrasporti

AMBIENTE-LOGISTICA-PORTI



PORTI: Sindacati, in Stabilità mancano norme di uscita anticipata per i non idonei

COMUNICATO STAMPA UNITARIO

 

Roma 23 dicembre - “Saranno valutate strategie alternative di battaglia politica e negoziale per ottenere ciò che non abbiamo avuto con Legge di Stabilità”. E’ quanto affermano Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti per il settore portuale sottolineando che “il 'correttivo porti' ha individuato alcune criticità della riforma alla legge 84/94 ma non ha colto un pezzo importante delle nostre rivendicazioni come l’approvazione del meccanismo di sostegno al reddito per l’accompagno all’esodo anticipato dei lavoratori non più idonei o in esubero dei porti, il cui lavoro particolarmente usurante non è riconosciuto dalla legge”.

“I lavoratori dei porti - sottolineano Filt, Fit e Uiltrasporti - stanno per affrontare i prossimi anni in un contesto di mercato in profondo cambiamento e di estrema evoluzione anche in termini di avanzamento tecnologico senza aver completato il quadro dei meccanismi di tutela per condizioni fisiche sempre più minate dagli esiti di un'attività lavorativa usurante, mai riconosciuta, e sottoposta a gravi rischi per la salute e la sicurezza”.

“Con la nuova legislatura - sostengono infine le organizzazioni sindacali dei trasporti - saremo impegnati a far estendere i benefici, al momento riconosciuti solo ad una parte dei lavoratori, anche ai dipendenti delle imprese e dei terminal portuali”.

 

 

UILTRASPORTI - Viale del Policlinico, 131 - 00161 Roma - Tel. 06 862671 - Fax 06 86207747
C.F. 80403560586
e-mail: administrator@uiltrasporti.it