Uiltrasporti


14/11/2018
 | Comunicati Stampa
Roma, 14 novembre. “E’ corretto fare analisi costi/benefici sulle grandi opere infrastrutturali, ma sarebbe anche fondamentale dare continuità a quanto già programmato, senza ricominciare daccapo ogni volta che cambia un Governo”. Ad affermarlo il Segretario generale della Uiltrasporti, Claudio Tarlazzi, che prosegue: “Fermare o cambiare programmi già avviati, equivale a perdere credibilità, incidendo negativamente sulla programmazione degli investimenti delle imprese e quindi sulla capacità di crescita complessiva del Paese.
“In Italia – prosegue il Segretario generale - abbiamo bisogno urgente di recuperare il gap con il resto dell’Europa. Opere come il Terzo Valico o la Torino-Lione rispondono ad analisi macroeconomiche di sistema, che vanno al di là dei costi/benefici di una singola opera, rispondendo a logiche di interesse economico, sociale e di prospettiva di tutto il Paese.
“C’è bisogno di integrazione con il resto d’Europa e con i paesi del Nord Africa, mediante connessioni materiali ed immateriali, che fungano da sostegno della nostra industria manifatturiera, del turismo e della vocazione geografica di cerniera dei traffici terrestri oltre che marittimi, da Sud a Nord, intercettando i carichi marittimi Est-Ovest. Per questo motivo è improcrastinabile la realizzazione delle grandi opere infrastrutturali già programmate, da cui dipenderà il rilancio del Paese, a cominciare da quello del Mezzogiorno.
“Attualmente dai valichi alpini transitano 216 milioni di tonnellate di merce, di cui 50 milioni di scambio commerciale con la Francia, realizzato per il 92% via gomma, con esternalità molto alte e a discapito della sicurezza della circolazione. Il forte congestionamento del traffico stradale pesante abbassa la produttività, aumenta i costi delle filiere e abbassa la competitività complessiva del Paese.
“Bisogna interconnettere nodi logistici, porti, interporti ed aeroporti e aumentare la loro accessibilità - conclude Tarlazzi - sviluppando un sistema ferroviario efficace, senza pregiudizi ideologici, che dovrebbero essere del tutto estranei a chi governa il Paese, quando si amministra nell’interesse del bene comune. Ne ha bisogno l’economia, ma soprattutto ne ha bisogno il Paese, per sviluppare un trend strutturale di crescita sociale ed occupazionale”.
 
13/11/2018
 | Comunicati Stampa
Roma, 13 novembre. "Diversamente dal percorso di tutele annunciato, la direzione intrapresa dal Governo per la categoria dei Rider non sembra essere quella di riconoscerli come lavoratori dipendenti". Così il Segretario generale della Uiltrasporti, Claudio Tarlazzi, che prosegue: "E' preoccupante la volontà di creare un pacchetto di tutele minime per il rider, entro un rapporto di lavoro autonomo, equiparando questa professione ad un semplice "lavoretto". 
"Ciò contrasta con quanto concordato dal sindacato confederale dei trasporti nell'ultimo rinnovo del CCNL Logistica, Trasporto merci e Spedizione, sottoscritto un anno fa. Infatti, in un articolo specifico la figura del Rider è definita come lavoratore subordinato, con pieno diritto a tutte quelle garanzie salariali e previdenziali che ormai da troppo tempo i lavoratori di questo settore chiedono.
"Uiltrasporti, coerentemente al percorso individuato all'interno del CCNL, sostiene la subordinazione dei Rider - spiega Tarlazzi - rivendicando l'applicazione contrattuale, per dare finalmente dignità e sicurezza a questa professione. Ciò si rende ancor più necessario alla luce di quei tentativi che vorrebbero destrutturare le tutele, che invece spettano a tutti i lavoratori di pari passo all'evoluzione del lavoro, soprattutto per quelli della gig economy, un mondo lasciato da troppo tempo nell'ombra".
09/11/2018
 | Comunicati Stampa

Roma, 9 novembre. “Registriamo un’ampia e sentita partecipazione allo sciopero di 4 ore di oggi, nonostante gli slittamenti dei voli predisposti da Air Italy”. Ad affermarlo unitariamente Filt Cgil, Uiltrasporti e Ugl Trasporto Aereo, che proseguono: “Dopo la compatezza di piloti e assistenti di volo per esigere rispetto e considerazione da parte di Air Italy, dimostrata dalla riuscita di questo sciopero, non resta altro alla Compagnia che dare corso alle legittime richieste dei lavoratori, avviando subito il confronto per il Contratto di lavoro, recependo sia per la parte normativa che retributiva quanto previsto dal CCNL del settore, attualmente in fase di rinnovo”.

Foto di copertina: aeromobili Air Italy. Fonte IPG

09/11/2018
 | Comunicati Stampa
Roma 9 novembre - “Un incontro di chiarimento approfondito su presupposti, contenuti e inevitabili ricadute sui lavoratori, di un recente parere espresso dal Ministero della Infrastrutture e dei Trasporti sulla movimentazione di materiali ferrosi in ambito portuale”. Lo chiedono Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti al Direttore Generale del Mit, Mauro Coletta, spiegando che:
07/11/2018
 | Comunicati Stampa
 “Abbiamo indetto uno sciopero di 4 ore, dalle 10.00 alle 14.00, il prossimo 9 novembre dei piloti ed assistenti di volo di Air Italy”. A proclamarlo le Segreterie nazionali Filt Cgil, Uiltrasporti ed Ugl Trasporto Aereo, precisando che l’astensione “riguarderà tutti i voli del vettore in partenza dal territorio italiano”.
“Ormai sono mesi - spiegano le Organizzazioni Sindacali - che il personale navigante sta chiedendo alla Compagnia un deciso cambio di passo nella gestione operativa degli equipaggi, che finora si è mostrata inosservante del contratto e degli accordi.
31/10/2018
 | Comunicati Stampa

Roma, 31 ottobre. “Oggi è stato compiuto un passo molto importante per il progetto di sviluppo di Alitalia, che deve basarsi sulla piena valorizzazione del personale dipendente, al quale deve essere garantito l’assenza di esuberi ed il loro pieno coinvolgimento nel rilancio della compagnia”. Così il Segretario generale della Uiltrasporti, Claudio Tarlazzi, che prosegue: “Siamo riusciti a far abbassare da 1570 a 1360 unità i lavoratori interessati dall’accordo di proroga della Cigs firmato oggi, a garantire l’ultrattività del CCNL e a siglare un accordo che contiene elementi contrattuali e gestionali molto sentiti dai dipendenti, incluso l’avvio a gennaio di un tavolo per superare il congelamento degli scatti di anzianità.

31/10/2018
 | Comunicati Stampa

Roma, 31 ottobre. “Sono 72 i marittimi della società Liberty Lines in procedura di licenziamento, per un cambio di assegnazione della concessione di servizio Messina-Reggio Calabria, decisa dal Ministero dei Trasporti ed Infrastrutture, causando questa drammatica conseguenza”. A denunciarlo il Segretario nazionale della Uiltrasporti, Paolo Fantappiè, che prosegue: “Nonostante la richiesta urgente di incontro al MIT fatta dai sindacati, ancora tutto tace, nonostante la gravità della situazione dei marittimi coinvolti e delle loro famiglie. 

31/10/2018
 | Comunicati Stampa

Roma, 31 ottobre. “Molto complicato affrontare il tema della proroga Cigs senza un quadro chiaro sugli sviluppi di Alitalia, non avendo ricevuto dal Ministro dello Sviluppo Economico i necessari ragguagli, nonostante l’impegno preso di coinvolgere le organizzazioni sindacali di categoria in un tavolo permanente. Si chiede ancora una volta al Sindacato senso di responsabilità, che peraltro non è mai mancato, ma la situazione è molto difficile per poca chiarezza”. Così il Segretario generale della Uiltrasporti, Claudio Tarlazzi, in procinto di iniziare la riunione al Ministero del Lavoro, che prosegue: “Bene l’offerta di FS Italiane, ma occorre un confronto sul piano industriale e sui dettagli dell’offerta”.

29/10/2018
 | Comunicati Stampa

Roma, 29 ottobre. “E’ mai possibile che apprendiamo più notizie dalla stampa che dal Governo?”. Così il Segretario generale della Uiltrasporti, Claudio Tarlazzi, mentre sta per iniziare un nuovo confronto al Ministero del Lavoro per la proroga della Cassa integrazione Straordinaria Alitalia.

Page 1 of 36
UILTRASPORTI - Viale del Policlinico, 131 - 00161 Roma - Tel. 06 862671 - Fax 06 86207747
C.F. 80403560586
e-mail: administrator@uiltrasporti.it